Come scegliere il migliore software PC o lettore per Midi File

Per suonare i midi files occorre uno strumento dedicato o un software per computer: come scegliere la migliore soluzione per le proprie esigenze? Negli anni 90, periodo in cui il midi iniziò ad essere utilizzato dai più grandi produttori di strumenti musicali elettronici, la scelta non era così vasta e i lettori erano relegati in una posizione talvolta anche secondaria all’interno dei sistemi operativi di tastiere. Oppure c’erano i sequencer di cui parleremo più approfonditamente in un’altra occasione, i quali però erano macchine “mute”, cioè senza suoni al loro interno, per cui era necessario collegarli a uno o più expander. La base mp3 non era così diffusa, a favore invece di sistemi digitali un po’ più complicati da gestire, quali il Minidisc e il Dat.

Player Midi o software per pc?

Oggi è quasi impossibile trovare player o programmi che non riconoscano e suonino vari formati, primi tra tutti appunto i midi files e gli mp3. I più evoluti e pratici riconoscono e suonano anche altri formati quali i formati video, altri formati audio oltre all’mp3 o formati ibridi come ad esempio mp3+cdg. Date queste premesse, la scelta di un compagno di lavoro o di divertimenti qual è un lettore stand-alone o un programma per computer, è determinata da criteri essenziali: qual è il nostro setup? Che tipo di librerie software (basi musicali) abbiamo a disposizione o intendiamo acquistare? Qual è il nostro obiettivo?

 

Migliore lettore midi file

Lettore Midi

Un lettore Midi con suoni professionali

Un professionista, che sia musicista che si accompagna con le basi o un cantante o un animatore, esigerà un audio molto simile all’impatto dei suoni originali che ascoltiamo ogni giorno in radio o in tv o in discoteca e si avvarrà sicuramente di formati audio mp3 di alta qualità. Anche il buon vecchio e caro midi però, se utilizzato con macchine che montano banchi sonori davvero curati e pensati a questo scopo (non le soundfont che troviamo su internet, per intenderci, né tantomeno i suoni delle schede integrate dei pc), ha talvolta una resa addirittura superiore in quanto a omogeneità e possibilità di interazione, dal momento che può escludere tracce o rivedere i mix in base all’esigenza del momento. Utilizzando quindi questi formati dovrà avvalersi di un programma o di un lettore che sia in grado di riprodurre in modo impeccabile i vari formati. Nel suo hard disk potremo quindi trovare files mp3 di qualità o midi di altissima qualità, che possano essere riprodotti da un unico player, anch’esso di qualità e soprattutto affidabile e ricco di funzioni che permettano di accedere velocemente e facilmente al proprio repertorio senza perdere troppo tempo a cercare dentro le varie cartelle.

 

I lettori Midi free per PC hanno poche funzioni

Se il nostro archivio è zeppo di soli files midi, o se comunque è il midi file che ci interessa, la scelta può ricadere anche in semplici programmi per computer, talvolta freeware, dalle funzioni essenziali quali play e stop. Esistono ovviamente anche programmi più evoluti anche per il midi che ci permettono di modificarli in base alle nostre esigenze (velocità, tonalità, volumi delle tracce, ecc.), e con una spesa di poche decine di euro potrebbero essere sufficienti per il nostro divertimento soprattutto a casa. Chi invece ha bisogno del solo formato video, non ha bisogno di programmi sofisticati, vanno benissimo i classici programmi che si trovano in bundle dentro i computer che acquistiamo, poiché la necessità è solo quella di mostrare un video registrato. Solitamente chi usa questo sistema non ha grandi aspettative dal suo player o software, non ha alcun bisogno di effettuare modifiche o suonare sulle basi musicali.

 

La miglior soluzione per chi cerca un lettore basi musicali

In conclusione, il primo bivio ci si presenta al momento della scelta del setup: player stand alone dedicato o pc portatile con un software specifico? Subito dopo, che qualità voglio ottenere, e che tipo di modifiche ai files ho bisogno per fare il mio lavoro o anche solo per esercitarmi o divertirmi? Infine, che tipo di files musicali ho già a disposizione nei miei hard disk? Non esiste quindi una risposta univoca e definitiva. A volte un player stand alone è molto più adatto, per il semplice motivo che tutti gli strumenti di lavoro sono già pronti (il mixer delle tracce, il mixer del microfono, gli effetti, la registrazione, la possibilità di modifiche quant’altro) – le stesse cose possono essere fatte anche con un pc, ma spesso sono necessari vari programmi e conoscenze informatiche anche qui un po’ più approfondite.